Officine Sintetiche 2016 Lab

OFFICINE SINTETICHE VII EDIZIONE 2016

WAITING FOR

Locandina
Presentazione
Photogallery: Lab / Production
Videogallery
Rassegna stampa

Interactive media art – in progress

a cura di: Vanessa Vozzo e Stefano Sburlati

con: Gianpaolo Basilicò, Giorgio Battaglino, Daniele Biggi, Federica Bono, Roberta Campagna, Matilde Capello, Rosario Isabel Rauber Mendoza, Elisa Li Causi, Federica Messina, Marco Musto, Camilla Soave, Nicolò Zilocchi

Waiting for è uno studio realizzato attraverso una ricerca e un laboratorio con gli studenti del Politecnico di Torino (Ingegneria del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione), dell’Università di Torino (Dip. Studi Umanistici) e del Conservatorio di Torino.

Lo studio è sfociato in un evento pubblico finale presentato presso la HulaHoop Gallery Torino – MAU Museo Arte Urbana il giorno 25 marzo 2016 nel quale sono stati condivisi i linguaggi complessi dell’Interactive Media Art.

Waiting for svela la ricerca sui sistemi interattivi e sulle tecnologie innovative che sottende un’opera interattiva che Officine Sintetiche presenterà nel corso del 2016 sulle condizioni dei migranti che affrontano le acque del Mediterraneo.
L’evento si è composto di due momenti in cui il coinvolgimento del pubblico diventa step importante per testare le potenzialità del progetto.
Il primo momento è stato concepito a partire da alcune riflessioni su oggetti indispensabili e intimi provenienti dal vissuto personale degli studenti coinvolti. Oltre a fruire dell’allestimento, il pubblico è stato invitato a far parte dell’opera interagendo con essa tramite sms che possono essere inviati al numero di telefono esposto in sala.Il secondo momento ha proposto un’esperienza immersiva in mare a 360° tramite visori VR headset.

Waiting for è sostenuto dal Dipartimento Studi Umanistici, dal Dams e dal CIRMA (Università degli Studi di Torino) grazie al contributo della Fondazione CRT. L’Università promuove Waiting for insieme a Ingegneria del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione (Politecnico di Torino) e alla Galleria HulaHoop – MAU Museo Arte Urbana. In collaborazione con il Conservatorio di Torino, Fondazione 107 e Associazione 32 Dicembre e Officine Sintetiche.